on a oublié les larmes

sapevo
conoscevo i suoi errori
a memoria le sue mancanze
e l’ho ucciso di parole
e non mi è sembrato sorpreso

non ha reagito ai fendenti
né un gemito né una mossa
il rito è andato avanti
la fine macabra la sua testa che rotolava
fin dentro la tomba
e non usciva più

io al centro dell’esedra
soddisfatto del taglio
artefice del lancio
giravo le spalle al passato
e raggiungevo il fuoco
e pensavo: rientriamo da dove veniamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: