l’àndito del progresso

Alfio Génitron :: Com’era il corridoio?

Peter Høeg :: Il corridoio aveva porte di quercia con le targhette e i nomi, il pavimento di marmo e un’acustica che creava l’impressione che l’ospite camminasse con i tacchi di metallo e fosse di disturbo. Il che induceva a chiedersi se tutto ciò che è accaduto da quando il Salvatore venne al mondo in una stalla sia davvero un progresso. Il corridoio terminava con una porta doppia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: